Istituto Tecnico Economico Statale "Caio Plinio Secondo" » Chi siamo
Navigazione veloce

Ankara Escort istanbul Escort Malatya Escort Adana Escort Bursa Escort Gaziantep Escort izmir Escort kızılay Escort Ankara Rus Escort Eskişehir Escort Eryaman Escort

Chi siamo

 PROGETTO BIBLIOTECAVIVA

 
“All’epoca della loro invenzione, i libri erano dispositivi tanto spudoratamente utili per immagazzinare e trasmettere linguaggio, sebbene fabbricati con sostanze di origine vegetale e animale a mala pena modificate, quanto lo sono oggi gli ultimi miracoli della Silicon Valley. Ma, per caso, non per un calcolo astuto, i libri, a causa del loro peso e della loro consistenza, e a causa della loro dolce resistenza alla manipolazione, coinvolgono le nostre mani e i nostri occhi, e quindi le nostre menti e le nostre anime, in un’avventura spirituale che, se i miei nipoti non ne venissero a conoscenza, ne sarei molto addolorato.”
(Kurt Vonnegut)

 

Bibliotecaviva è un progetto pluriennale avviato durante l’anno scolastico 2007/2008 con l’allestimento di una biblioteca negli spazi antistanti l’ingresso dell’Istituto. Il progetto intendeva rivitalizzare la Biblioteca dell’Istituto Caio Plinio di Como e negli anni ha confermato la sua missione.

L’attività ha l’obiettivo di promuovere la lettura e rendere appetibile ai ragazzi il luogo in cui è possibile incontrare i libri e ritrovarsi attorno a loro. L’età della prima adolescenza è infatti cruciale perché spesso, proprio in quel momento, si abbandona un rapporto personale con il libro.

Da una parte a scuola l’attenzione è rivolta ai classici, importantissimi ma spesso lontani dalla vita dei giovani; dall’altra la lettura è da loro vissuta generalmente come esperienza obbligata, priva di reale interesse. Il risultato è che l’abbandono del libro è brusco e spesso senza ritorno. L’importanza di riuscire ad inquadrare meglio il mondo degli adolescenti, i libri, i film, i fumetti, le musiche che a loro sono dedicati, le modalità di una “lettura adolescenziale”, diventa sempre più necessaria quanto più questa età è nei fatti pochissimo studiata, affrontata, e anzi spesso evitata nei confronti diretti.

Le trame dei libri, quindi, non sono solo occasioni di evasione o di piacere, ma sono risorse ricchissime, piene di collegamenti diretti o sotterranei con emozioni vissute o solo sfiorate dagli adolescenti. Le storie, grazie al processo di identificazione con i personaggi e alla loro capacità di emozionare, diventano trame per approfondire argomenti fondamentali per la crescita, e utili strumenti di appoggio per l’attività didattica. A sostenere la pratica della promozione alla lettura e il lavoro quotidiano a contatto con i ragazzi c’è infatti lo studio, la teoria, l’aggiornamento. La biblioteca può essere un luogo privilegiato dove compiere queste attività per studenti e insegnanti.

 
Ma bibliotecaviva non è stata e non è solo educazione alla lettura, bensì luogo in cui sperimentare modelli relazionali, personali e di gruppo, in un contesto non valutativo né competitivo, potenziare la capacità di ascolto di sé e del gruppo, del suono e del silenzio, conoscere il tessuto culturale e sonoro del territorio natio e di quello originario di tutti gli studenti della scuola. Bibliotecaviva ha tra le sue finalità quella di offrire occasioni di confronto su argomenti formativi per gli studenti e il personale scolastico tutto e di aprire le porte dell’istituto al territorio. Il suo programma dedica una particolare attenzione alla biblioteca come luogo di incontro intergenerazionale e interculturale. Gli studenti sono i protagonisti attivi delle proposte di bibliotecaviva: la biblioteca dei ragazzi.

Dall’anno della sua inaugurazione le attività della biblioteca hanno riguardato nello specifico la promozione della lettura di generi diversi e e/o di percorsi tematici, la realizzazione del laboratorio corale “Macramè” e di altri laboratori creativi, l’organizzazione e la realizzazione di eventi culturali e musicali, l’organizzazione di eventi e incontri con personale anche esterno alla scuola, la presentazione di libri, l’ospitalità di lezioni e ogni diversa occasione di incontro e approfondimento legato alla vocazione di una biblioteca scolastica.

 

Accordi musicali in biblioteca.

Il coro multietnico

Macramè – progetto bibliotecaviva

 Macramè, cantiamo in coro è un’attività del progetto bibliotecaviva dell’Istituto Caio Plinio di Como. Macramè è un gruppo corale multietnico nato all’interno dell’Istituto nell’anno scolastico 2008/2009 e diretto dal Maestro Marco Belcastro. Dopo quattro anni di laboratorio partecipano al coro studenti con i loro familiari e docenti dell’Itc Caio Plinio, dell’Istituto Pessina, del Setificio, del Liceo scientifico, dell’ EDA. Attualmente siamo circa 30 coristi.

L’attività è nata come strumento di accoglienza, integrazione e alfabetizzazione degli studenti stranieri, ma non solo.

Cantando insieme abbiamo diretta esperienza dell’importante valenza affettiva e sociale del coro: esso permette di valorizzare il patrimonio culturale ed emozionale di ciascuno, attraverso lo strumento musicale più diretto e disponibile, la voce, sviluppando allo stesso tempo capacità di cooperazione, di adattamento e di ascolto degli altri. Il coro è un microcosmo di relazioni poiché si basa sul rispetto reciproco, in vista di un comune obiettivo di crescita, non solo musicale, del gruppo.

L’appuntamento del giovedì pomeriggio nella biblioteca della scuola è diventato per tutti i coristi un momento prezioso, “terapeutico”, da aspettare di settimana in settimana e il clima che si crea ha una risonanza positiva anche in aula.

Gli insegnanti coinvolti nel progetto hanno potuto sviluppare un’idea di educazione interculturale come laboratorio, ovvero come spazio – fuori e dentro la scuola – in cui è possibile conoscere e apprezzare “la differenza dell’altro” facendo insieme. Il coro è un gruppo che cerca di conseguire un obiettivo comune: se manca un componente, non è lo stesso “strumento” che suona. Chi ne fa parte scopre che dipendere dagli altri è impegnativo, ma anche appagante.

Il coro Macramè si è esibito in questi anni assieme al coro La scatola di cachi del Liceo Scientifico Paolo Giovio con cui condivide Maestro e repertorio. I cori sono stati ospiti della manifestazione CORIandoli, presso il cinema teatro Gloria, di Socialgiovio, organizzato dal Liceo scientifico Paolo Giovio di Como (2009) e hanno preso parte a importanti eventi sul territorio: il 3° e il 4° Circuito Musicale in provincia di Como, promossi dall’Assessorato alla Cultura e alle Politiche per la tutela e la valorizzazione dei Beni architettonici e artistici (2009-2010 e 2010-2011) e ad Assaggi di mondo. Secondo festival comasco dei gemellaggi e della cooperazione internazionale (2010). I due cori hanno cantato al Centro Anziani Don Guanella (2011) e alla manifestazione L’isola che c’è di Villa Guardia (2011). Il 24 marzo del 2012 Macramè e La scatola di cachi si sono esibiti al Teatro Sociale di Como per accompagnare il concerto dei D’Altrocanto nello spettacolo “D’Altrocanto in concerto. Terra di confine. Tra musica popolare d’autore” e il 14 giugno l’Associazione culturale Chiave di volta ha invitato i due gruppi ad esibirsi all’Hangar di Como in occasione del secondo compleanno dell’associazione.

 

[nggallery id=1]

 

Allegati: